Il Festival delle Culture e il mondo del calcio. Un week end col pallone.

Un calcio al razzismo 2a edizione – Torneo multietnico di calcio a 11

A partire da oggi e nelle giornate del 24 e 25 maggio, presso il campo sportivo Endas M. Monti in via Gulli 140 si svolgerà il torneo “Un calcio al razzismo” 2a edizione.

L’idea di replicare il torneo calcistico, dopo il successo della prima edizione svoltosi nel 2012, è nata nell’ambito della progettazione partecipata che ha portato a definire il programma degli eventi del Festival di quest’anno. Le associazioni che hanno partecipato alla progettazione sono convinte che eventi sportivi come questi, di aggregazione e socializzazione, siano la via maestra per celebrare il valore di tutte le culture e promuovere lo sport come forma di comunicazione e di condivisione partecipata.

Il torneo prevede la partecipazione di 8 squadre (Tunisia, Camerun, Nigeria, Macedonia, Moschea di Ravenna, Marocco, Senegal e progetto SPRAR) e si svilupperà nell’arco di 3 giornate. Venerdì 23 e sabato 24 si svolgeranno i turni di qualificazione, mentre domenica 25, a partire dalle ore 9 si disputeranno le semifinali mentre nel pomeriggio, alle ore 17.30, le finaliste si contenderanno la coppa del primo classificato.

IO SONO RUMMENIGGE. Una mostra sull’infanzia nei campetti.

Sabato 24 maggio 2014 alle ore 15.00 avrà luogo una partita di calcio tra bambini di tutte le età. Ritrovo di fronte al centro Quake (via Eraclea 25, Ravenna). Alle ore 17.00 inaugurazione della mostra fotografica Io sono Rummenigge di Davide Baldrati e merenda presso Agenzia Image (via Magazzini posteriori 29/65, Ravenna). La mostra resterà aperta presso Agenzia Image nei giorni del Festival delle Culture (6-7-8 giugno 2014)Davide-Baldrati

Nell’estate del 2012 ho iniziato a fotografare i bambini che giocano a calcio nei campetti improvvisati sotto casa del quartiere “Gulli” di Ravenna. Questo lavoro fotografico rientrava all’interno del progetto Dove viviamo promosso da Osservatorio Fotografico e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Ravenna. Da un punto di vista visivo e di ambientazione il libro che ne è risultato trae spunto dal graphic novel di Davide Reviati, Morti di sonno, che parla di bambini che negli anni Ottanta giocavano a calcio nel quartiere ANIC di Ravenna tra la comparsa dell’eroina e la vittoria dell’Italia ai mondiali di calcio dell’82. Oggi come ieri i quartieri della prima periferia sono abitati da bambini le cui famiglie sono arrivate a Ravenna spesso per motivi di lavoro. Negli anni dell’infanzia di Reviati provenivano da tutt’Italia: Abruzzo, Marche e Lazio oggi arrivano da tutte le parti del Mondo: Africa, Est Europa e Sudamerica. I bambini di tutto il mondo si incontrano nei campetti, nelle piazze e agli angoli delle strade dando vita a un vero dialogo interculturale, partendo dalla semplicità del gioco del calcio. Il calcio diventa una lingua comune che tutti possono parlare, ognuno emulando il proprio campione preferito, proprio come io e mio fratello anni fa sognavamo di essere Karl-Heinze Rummenigge.” Davide Baldrati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *