Femminismi musulmani: un incontro sul Gender Jihad

“Femminismi musulmani” è il titolo del libro che venerdì 30 maggio 2014, alle ore 18, viene presentato alla Libreria Feltrinelli, Via Diaz 14, a Ravenna. Ne parleranno le curatrici Ada Assirelli, Marisa Iannucci, Marina Mannucci e Maria Paola Patuelli intervistate da giornalista Federica Angelini.

È possibile che donne fra loro diverse – italiane e marocchine – di diversa fede religiosa – musulmana e cattolica – oppure laiche e non credenti, si incontrino in un comune percorso di ricerca e di reciproco riconoscimento? È possibile, in un contesto che spesso ancora vede nelle differenze culturali un dato naturale, indiscutibile e immutabile? È difficile ma possibile. È difficile perché spesso la realtà conduce in direzioni opposte all’incontro, perché chi desidera l’incontro pensa che la forza del desiderio sia di per sé inarrestabile e risolutiva, ma non sempre è così. È difficile perché nulla è mai lineare e facile. Ma è possibile, ed è accaduto a Ravenna, quando la relazione fra donne diverse si è fatta paziente, quando si è scoperta l’esistenza di un elemento comune e arcaico, il patriarcato, che con radici profonde attraversa epoche, culture e continenti fra loro lontani. Una scoperta che ci ha dato forza, perché ha consolidato in ognuna di noi la speranza che la libertà sia possibile e singolare. Ognuna con la sua storia. Un percorso comune di ricerca e di riconoscimento è dunque possibile quando la relazione fra donne tra loro diverse viene mostrata nella sfera pubblica e assume così il carattere dell’azione politica, che segnala la dimensione civile e non solo culturale e interiore dell’incontrarsi. Di questo incontro, fatto di ricerche personali messe poi in comune, e di riflessioni scambiate, questo libro è archivio di memoria e testimonianza.

Il volume è pubblicato da Fernandel e contiene contributi di Latifa Al Bouhsini, Aycha Al Hajjami, Ada Assirelli, Renata Bedendo, Marisa Iannucci, Maria Luisa Boccia, Marina Mannucci, Maria Paola Patuelli, Abdennur Prado.

L’evento, organizzato nell’ambito del Festival delle Culture, è curato da LIFE onlus – Associazione Femminile Maschile Plurale FMP- Rete Donne CGIL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *